BOLOGNA, CITTA’ DEI PORTICI, MODENA, IMOLA E LE MAIOLICHE DI FAENZA



Scarica la Brochure del viaggio BOLOGNA, CITTA’ DEI PORTICI, MODENA, IMOLA E LE MAIOLICHE DI FAENZA

Primo Giorno: PARTENZA – BOLOGNA E IL SANTUARIO DELLA MADONNA DI SAN LUCA

Ritrovo dei partecipanti secondo orario e luogo convenuto e partenza dalla propria località in Bus G.T. per l’Emilia Romagna. Sosta lungo il percorso. Arrivo in hotel, sistemazione nelle camere e pranzo. Nel pomeriggio giro panoramico guidato della città con salita al Santuario della Madonna di San Luca, risalente al XVII secolo, sorge sul colle della Guardia. Il portico costruito per raggiungere il Santuario a piedi è composto da ben 666 archi ed è lungo più di tre chilometri e mezzo. Il cupolone del santuario e il lungo porticato che lo collega alla città sono un’inconfondibile caratteristica del panorama cittadino, visibili a grande distanza anche da buona parte del territorio bolognese. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Secondo Giorno: BOLOGNA CLASSICA – IMOLA E LA DEGUSTAZIONE DEL SANGIOVESE

Pensione completa in hotel. In mattinata visita guidata (solo esterni) di Bologna Classica. – visita concentrata sulla Piazza Maggiore e i monumenti più importanti: il Palazzo di Re Enzo (utilizzato come prigione per il figlio dell’Imperatore Federico II di Svevia), il Palazzo Comunale, la Fontana di Nettuno, il Palazzo dei Notai, la Basilica di San Petronio (nel cui interno si trova la famosa meridiana), il Palazzo del Podestà (costruito dal bolognese Fioravanti architetto del Cremlino a Mosca.), Palazzo dell’Archiginnaso (prima sede dell’antica Università), la Torre della Garisenda e la Torre degli Asinelli (visitabile con una salita di 500 gradini e oggi simbolo della città), il Palazzo della Mercanzia, la Sala Borsa, dove un pavimento di cristallo permette di ammirare gli antichi scavi e la sedimentazione delle varie civiltà. Durante la visita avremo modo di percorrere le vie del mercato antico dove Bologna “La Grassa” ritrova tutto il suo significato con cascate di parmigiani e prosciutti, frutta e verdura dai mille colori. . . Nel pomeriggio visita guidata (solo esterni) di Imola. – il cui centro storico mantiene intatta nella sua pianta l’impronta romana di quando la città si chiamava Forum Corneli. Andremo alla scoperta della storia, dei palazzi storici (frutto di profondi rifacimenti del 18° secolo) e dei luoghi più interessanti compresa la Rocca Sforzesca, simbolo della città.  Non mancherà anche una visita alla Ceramica Cooperativa poiché la produzione di ceramica artistica è stata una componente molto importante in passato dell’artigianato imolese, come testimoniano i vasi settecenteschi della Farmacia dell’Ospedale. Al termine della visita rientro in hotel e lungo la strada sosta per una visita con degustazione a Castel San Pietro Terme. – La storia dell’azienda di famiglia racconta che è dagli anni ‘70 che si registra il cambio di marcia, passando dall’essere una azienda familiare a una realtà ben strutturata leader nel proprio settore, sia per capacità produttiva che per commercializzazione dei vini tipici emiliano romagnoli. Sono gli anni ‘90, Gianni e Franco decidono di riscrivere la morfologia di parte della prima collina castellana, acquistandone i migliori 80 ettari per esposizione, carattere e potenziale espressivo, vocandoli a Sangiovese, Pignoletto, Trebbiano, Albana, Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Barbera tutta terra di Dop. La visita guidata prevede oltre all’azienda anche la sosta alla tenuta, la prima azienda vitivinicola di famiglia. Un riuscito connubio tra manualità rare del passato e metodi d’avanguardia dove tutt’oggi attraverso ricerca, formazione, cultura e struttura si è alla ricerca costante della qualità. Rientro in hotel.

Terzo Giorno: MODENA E LA BASSA BOLOGNESE

Pensione completa in hotel. In mattinata visita guidata (solo esterni) di Modena, risalente al 183 a.C, fu una delle colonie romane. Da non perdere il Duomo capolavoro dell’architettura romanica europea dell’XI-XII secolo e la sua torre campanaria, meglio nota come “Ghirlandina”, alta 86 metri. Il Palazzo Comunale (solo esterni) che ospita, al suo interno, la Secchia rapita, sottratta dai modenesi ai bolognesi nella battaglia di Zappolino nel 1325, la trecentesca chiesa di San Agostino, trasformata nel corso della seconda metà del Seicento che conserva, al suo interno, una Deposizione dalla Croce di Antonio Begarelli e una Madonna col bambino di Tommaso da Modena e il Palazzo dei Musei (solo esterni) che ospita la Galleria Estense, una fra le collezioni d’arte più ricche d’Europa. Nel pomeriggio partenza per la visita guidata alla Bassa Bolognese. Sosta per la visita guidata alle località di Budrio e Bentivoglio. A Budrio visiteremo l’antichissima Pieve risalente probabilmente al 401 d.C. L’aspetto attuale è di elegante chiesa neoclassica (a parte il campanile romanico), ma già nel porticato d’ingresso colpisce il gran numero di lapidi sepolcrali risalenti all’epoca romana. Appena entrati, si nota la croce in pietra decorata dell’inizio del IX secolo, uno dei reperti più antichi di questo tipo che si conoscano. Il paese di Budrio è conosciuto in tutto il mondo per la sua “ocarina”, strumento musicale creato da Giuseppe Donati. Ne vedremo straordinari esempi presso il Museo dell’ocarina e degli strumenti in terracotta. Proseguimento per Bentivoglio, situato in strategica posizione lungo il canale Navile che collegava Bologna al Po, è famoso per l’imponente complesso del Castello eretto nel XV secolo da Giovanni di Bentivoglio. Visiteremo il museo della civiltà contadina ospitato nell’ottocentesca villa Smeraldi nella frazione San Marino.

Quarto giorno: FAENZA E IL PRANZO IN AGRITURISMO – RIENTRO

Colazione in hotel. In mattinata visita guidata (solo esterni) di Faenza: le Piazze Centrali della Libertà e del Popolo, la Torre dell’orologio affiancata dai leoni della monumentale fontana seicentesca, la cattedrale, i Palazzi Nobiliari di Corso Mazzini. Possibilità (su richiesta) di visitare il Museo Internazionale delle Ceramiche (M.I.C.), monumento all’arte antica di modellare l’argilla per renderla arte. Sosta presso una bottega locale per assistere alla lavorazione e decorazione delle maioliche. Pranzo in agriturismo dove vengono serviti piatti tipici della Romagna come la pasta fatta in casa e altri prodotti come olio, il carciofo moretto dop, gli scalogni sott’olio, la piadina e i salumi di mora romagnola, il tutto accompagnato dai vini di produzione locale. Nel pomeriggio partenza per il rientro alla propria località.

La quota comprende:

Trasporto in Bus G.T. – Vitto e Alloggio autista – Sistemazione presso nostro CITHOTEL 4* di BENTIVOGLIO in camere doppie con servizi – Pensione completa dal pranzo del 1°gg. al pranzo del 4°gg. – Bevande incluse ai pasti (1/4 di vino + ½ di acqua a persona a pasto) – Visite guidate come da programma – Ingresso al Museo della Civiltà Contadina di Bentivoglio, al Museo delle Ceramiche di Faenza – Piccola degustazione in salumeria a Bologna – Visita con degustazione presso un’ azienda vitivinicola di Castel San Pietro Terme – Assicurazione medico/bagaglio.

La quota non comprende:

Nostro Accompagnatore – Ingressi a Musei, Monumenti, Ville, Palazzi o altro menzionato nel programma se non indicato ne “La quota comprende” – Assicurazione Annullamento – Mance – Facchinaggio – Tassa di Soggiorno (da pagarsi in loco, se dovuta) – Extra di carattere personale e tutto quanto non indicato ne “La quota comprende”.

RICHIESTA DI PREVENTIVO NON IMPEGNATIVO

TUTTI I CAMPI SONO OBBLIGATORI, SOLO IL CAMPO NOTE E' FACOLTATIVO

Il trattamento dei dati personali – il cui conferimento è necessario per la conclusione e l'esecuzione del contratto – è svolto, nel pieno rispetto del D. Lgs. 196/2003, in forma cartacea e digitale. I dati saranno comunicati ai soli fornitori dei servizi compresi nel pacchetto.