NATURA TRA VENETO, TRENTINO E FRIULI: IL CADORE, LA VAL PUSTERIA E IL PARCO REGIONALE DELLE DOLOMITI FRIULANE



Scarica la Brochure del viaggio NATURA TRA VENETO, TRENTINO E FRIULI: IL CADORE, LA VAL PUSTERIA E IL PARCO REGIONALE DELLE DOLOMITI FRIULANE

Primo Giorno: PARTENZA E BELLUNO
Ritrovo dei partecipanti secondo orario e luogo convenuto e partenza dalla propria località in Bus G.T. per il Veneto. Sosta lungo il percorso. Arrivo a Belluno e pranzo in ristorante. A seguire visita guidata (solo esterni) di Belluno. La visita inizierà dalla “rinascimentale” Piazza dei Martiri. Proseguiremo con la chiesa di S. Stefano in stile gotico italiano che all’interno conserva due angeli portalampada in legno. Attraverso via Roma arriveremo in Piazza Vittorio Emanuele per ammirare il neoclassico Teatro Comunale per poi entrare attraverso Porta Dojona nel nucleo urbano medioevale. Ammireremo la splendida Piazza delle Erbe in cui sorgono i più bei palazzi privati della città e quindi verso Porta Rugo fino a raggiungere Piazza Duomo dove sorgono i più bei monumenti architettonici: la cattedrale, la torre campanaria di Juvara, la piccola chiesa di S. Maria delle Grazie (battistero), il Palazzo dei Vescovi, e il notevolissimo palazzo dei Rettori. Proseguimento per l’hotel, sistemazione nelle camere, cena e pernottamento.

Secondo Giorno: IL CADORE NELLA TERRA DI TIZIANO
Colazione in hotel e partenza per Pieve di Cadore città natale del grande pittore Tiziano Vecellio. Nella famosa piazza sono raggruppati gli edifici e i monumenti più importanti: il palazzo quattrocentesco della Magnifica Comunità di Cadore, il Palazzo di Tiziano l’Oratore, la Chiesa Arcidiaconale, che ospita l’unica opera originale del famoso pittore, e naturalmente la sua casa natale. Ci trasferiremo quindi a Calalzo, amena località sul lago di centro Cadore, per la visita di “Lagole” un luogo magico che un tempo ospitava un santuario paleoveneto. Oltre che per l’archeologia l’area di Lagole è interessante per il ruscello che vi scorre e che va a formare piccoli laghetti circondati da conifere che danno la possibilità di passeggiate in ambiente perfettamente alpino. Dopo la passeggiata saliremo di quota e visiteremo il paese di Vigo di Cadore e le sue splendide chiesette. La chiesa di Sant’Orsola che conserva un rilevante ciclo di affreschi trecenteschi, fatta costruire nel XIV secolo da Ainardo da Vigo, figlio di Odorico, ultimo podestà del Cadore. La chiesa della Madonna della Difesa, opera di Nicolò Ruopel ed edificata nel 1512 per assolvere un voto popolare conseguente allo scampato pericolo di saccheggio per i fatti d’arme che interessarono il Cadore durante la Guerra della Lega di Cambrai e infine la pieve di S. Martino vescovo (1559), con opere di Cesare Vecellio e del Besarel. Sempre nella piazza del paese c’è la Biblioteca Storica Cadorina fondata dal prof. Antonio Ronzon, eminente studioso di storia locale. La biblioteca conserva circa 550 pergamene e molti manoscritti di interesse storico. In località Salagona, infine visiteremo la chiesa di Santa Margherita(1205), unica testimonianza artistica della famiglia feudale caminese sopravvissuta in tutto il Cadore, con affreschi bizantineggianti. Pranzo in ristorante in corso di escursione. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Terzo Giorno: ESCURSIONE IN VAL PUSTERIA
Colazione in hotel. In mattinata partenza per l’escursione di intera giornnata in Val Pusteria e visita guidata di Dobbiaco. Considerato la “porta delle Dolomiti”, confina con il Parco Naturale Dolomiti di Sesto e Fanes-Senes-Braies e sul suo territorio si trovano due laghi di notevole bellezza, il Lago di Dobbiaco ed il Lago di Landro. Anche Gustav Mahler apprezzò e godette della bellezza di questa località, infatti, il compositore, dal 1908 al 1910 trascorse qui le sue estati. Passeggiata lungo Via Massimiliano, dove si può ammirare Castel Herbstenburg, fiancheggiata da cinque stazioni appartenenti alla più antica Via Crucis del Tirolo. A seguire passeggiata sul sentiero natura attorno al Lago di Dobbiaco. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio trasferimento a San Candido, passeggiata lungo la zona pedonale e Piazza San Michele. Da non perdere la chiesa in stile romanico dedicata a S. Michele, che nel 1735 venne ristrutturata in stile barocco, ed il Museo della Colleggiata di San Candido che comprende anche l’archivio e la biblioteca. Al termine visita di Sesto, che si colloca nella parte orientale dell’Alto Adige e incanta per i numerosi masi contadini adagiati su dolci pendii, le vaste distese di larici, i fitti boschi d’abeti rossi e tappeti di rododendri che arrivano fino all’Alpe di Nemes. Caratterizzato da una vivace storia, oggi è una delle destinazioni turistiche più frequentate dell’Alto Adige perché si colloca proprio ai piedi delle maestose Tre Cime di Lavaredo. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

Quarto Giorno: PARCO REGIONALE DELLE DOLOMITI FRIULANE E RIENTRO
Colazione in hotel. In mattinata partenza per Erto, da dove inizia l’ Escursione lungo il sentiero del carbone, un percorso dove un tempo veniva trasportato a spalla il carbone vegetale dei boschi della Valle. L’itinerario conduce lo sguardo in un ambiente aspro e selvaggio, che riflette il suo delicato equilibrio nell’imponente e tristemente nota frana del Monte Toc, che causò il disastro del Vajont il 9 ottobre 1963. Attraversata la zona franata, il sentiero conduce brevemente all’abitato di Casso. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio partenza per il rientro alla propria località.

La quota comprende:
Trasporto in Bus G.T. – Vitto e Alloggio autista – Sistemazione presso nostro CITHOTEL in camere doppie con servizi – Pensione completa dal pranzo del 1°gg. al pranzo del 4°gg. – Bevande incluse ai pasti (1/4 di vino + ½ di acqua a persona a pasto) – Visite guidate come da programma – Assicurazione medico/bagaglio.
La quota non comprende:
Nostro Accompagnatore – Ingressi a Musei, Monumenti, Ville, Palazzi o altro menzionato nel programma se non indicato ne “La quota comprende” – Assicurazione Annullamento – Mance – Facchinaggio – Tassa di Soggiorno (da pagarsi in loco se dovuta ) – Extra di carattere personale e tutto quanto non indicato ne “La quota comprende”.

RICHIESTA DI PREVENTIVO NON IMPEGNATIVO

TUTTI I CAMPI SONO OBBLIGATORI, SOLO IL CAMPO NOTE E' FACOLTATIVO

Il trattamento dei dati personali – il cui conferimento è necessario per la conclusione e l'esecuzione del contratto – è svolto, nel pieno rispetto del D. Lgs. 196/2003, in forma cartacea e digitale. I dati saranno comunicati ai soli fornitori dei servizi compresi nel pacchetto.