SARDEGNA DEL SUD: CAGLIARI, L’IGLESIENTE E L’ISOLA DI CARLOFORTE – CON VOLO



Scarica la Brochure del viaggio SARDEGNA DEL SUD: CAGLIARI, L’IGLESIENTE E L’ISOLA DI CARLOFORTE – CON VOLO

Primo Giorno: PARTENZA CON VOLO PER CAGLIARI

Ritrovo dei partecipanti almeno due ore prima della partenza del volo presso l’aeroporto stabilito. Disbrigo delle operazioni di imbarco e partenza per la Sardegna. Arrivo all’aeroporto di Cagliari e incontro con il bus locale per il trasferimento nel centro storico del capoluogo della regione per una visita guidata. La città, di origini antichissime, sorge al centro di un ampio golfo un tempo occupato da stagni e saline. Visitando il centro si possono ancora osservare imponenti tracce del periodo romano nel suo anfiteatro, mentre l’intero nucleo storico è ancora caratterizzato dall’architettura pisana, di cui la torre dell’Elefante è uno dei tanti esempi. Nel tardo pomeriggio trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere, cena e pernottamento.

Secondo Giorno: BARUMINI E LA GIARA DI GESTURI
Colazione in hotel e partenza per un’escursione guidata di intera giornata alla regione della Marmilla. Si visiteranno il Nuraghe di Barumini, il complesso nuragico più importante della Sardegna e la Giara di Gesturi, la più grande delle giare, chiamata in lingua sarda Sa jara manna. È costituita da un’immensa colata di lava basaltica eruttata circa 2,7 milioni di anni fa dai crateri dei vulcani (oramai spenti) di Zepparedda e di Zeppara Manna. Il territorio è caratterizzato da un suolo particolarmente sassoso, ricoperto da sugherete e da macchia mediterranea, disseminato di piccoli specchi d’acqua raccolti in caratteristiche depressioni chiamate paulis che nei periodi invernali si riempiono d’acqua e in primavera sono coperte da una flora molto colorata, costituita da specie endemiche. I Cavallini della Giara – ultimi cavalli selvatici d’Europa – utilizzano questi laghetti per abbeverarsi. Molto particolari sono anche gli alberi a bandiera, querce da sughero che il forte e continuo maestrale obbliga ad una crescita obliqua (verso est). Pranzo in ristorante in corso di escursione. In serata rientro in hotel per la cena e il pernottamento

Terzo Giorno: ISOLE DI SAN PIETRO (CARLOFORTE) E SANT’ANTIOCO
Dopo una buona colazione in hotel si parte per un’altra intera giornata di escursione. Oggi visiteremo le isole sulcitane di San Pietro e di Sant’Antioco. Ci trasferiamo in bus a Portovesme per l’imbarco sul traghetto diretto all’Isola di San Pietro, situata a circa 10 km dalla costa sarda, che costituisce, insieme alla vicina isola di Sant’Antioco e ad altri isolotti e scogli vicini, l’Arcipelago del Sulcis. Qui visiteremo Carloforte, l’unico centro abitato dell’isola che fa parte del circuito de “I borghi più belli d’Italia” e comune onorario della provincia di Genova. Infatti fu fondato da una colonia di pescatori liguri provenienti da Tabarka, un’isola al largo della Tunisia. L’origine ligure dei suoi abitanti la si può riscontrare nel dialetto, nelle tradizioni, nei costumi, nell’urbanistica del paese. I monumenti più importanti: la statua del Re Carlo, la chiesa di San Carlo Borromeo, l’oratorio della Madonna dello Schiavo con le storie di schiavitù connesse, il forte Carlo e la cinta muraria. Da non tralasciare, ovviamente, le sue coste dai mille colori, Cala Fico e Capo Sandalo, punto più ad ovest. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio trasferimento a Calasetta per la visita guidata della colonia fenicia più antica (Sulky). A seguire visiteremo Sant’Antioco, l’isola, che è collegata alla Sardegna attraverso un istmo artificiale, sorge sulle rovine dell’antica città fenicio-punica di Sulcis. Una delle caratteristiche dell’isola è il mantenimento della tradizione di navigazione “a vela latina”. Nella cittadina inoltre sopravvive la tradizione dei maestri d’ascia con la costruzione di imbarcazioni in piccole aziende a carattere familiare. Visiteremo anche il Villaggio Ipogeo e le Catacombe. A seguire possibilità di visitare il museo del Bisso di Chiara Vigo, maestra di fama mondiale. Il Bisso marino – detto anche “la seta del mare” – è una sostanza proveniente da una conchiglia che produce lunghi filamenti simili alla seta con i quali sin dall’antichità venivano realizzati manufatti dagli splendidi riflessi dorati. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

Quarto Giorno: SAN SPERATE, PULA E NORA
Pensione completa in hotel. In mattinata visita guidata di San Sperate, noto per i suoi murales. Nella fine degli anni ´60 Pinuccio Sciola pittore e scultore locale dopo alcuni anni di esperienze all´estero, rientrato nel paese pensò fosse possibile rivoluzionare l’aspetto dei muri anonimi delle case e che questi potessero diventare protagonisti. La popolazione e l’amministrazione contribuirono attivamente alla realizzazione del progetto. Visiteremo il suo laboratorio-museo con le “pietre che suonano”. Nel pomeriggio visita guidata a Pula, centro nato nel medioevo, si sviluppa nel diciottesimo secolo con un’importante vocazione agricola e oggi è meta turistica di grande spicco. A seguire visiteremo Nora, l’antica città punico-fenicia situata su un promontorio. Si possono ammirare terme, mosaici pavimentali, e un piccolo teatro ben conservato del II secolo d.C. La città fu abitata fino al primo medioevo (VIII sec. d.C.) e poi abbandonata dopo un lungo periodo di decadenza, iniziato nel V sec.d.C., quando i traffici marittimi diventarono impraticabili per la presenza dei pirati.

Quinto Giorno: PARCO GEOMINERARIO DEL SULCIS-IGLESIENTE
Colazione in hotel e partenza per la provincia del Sulcis-Iglesiente. Inizieremo la giornata con la visita guidata al Complesso Minerario di Montevecchio, uno dei complessi della Sardegna che testimoniano l’attività estrattiva svolta dal 1848 al 1991. Miniere uniche, ricche di storia, immerse in un meraviglioso contesto naturalistico e a pochi km dalle bellissime spiagge della costa verde. I percorsi previsti per questa visita sono il “Percorso S.Antonio” e il “Percorso Officine”, passeremo dalle umili abitazioni degli operai alle strutture che supportavano le attività estrattive nella manutenzione dei macchinari. Proseguiamo quindi il nostro percorso passando dal vecchio tracciato minerario verso Nebida ammirando alcuni scorci paesaggistici tra i più belli dell’Isola fino a raggiungere la Miniera di Porto Flavia, situata lungo la costa sudoccidentale della Sardegna. La miniera fu realizzata nel 1924 scavando la montagna per circa 600 metri; alla base di due gallerie sovrapposte un nastro trasportatore riceveva i minerali dai depositi sotterranei per trasferirli, con il suo ingegnoso braccio mobile, direttamente nella stiva delle navi di carico alla fonda. Proseguiremo quindi il percorso fino per giungere alle splendide dune di Piscinas, capolavoro del vento, erano lo sbocco naturale dei convogli provenienti da Montevecchio. Alte anche oltre sessanta metri, di un candore dorato, proteggono l’entroterra e contribuiscono a mantenere l’equilibrio del sistema spiaggia come in nessun altro luogo della Sardegna. Qui inoltre può capitare di incontrare il cervo sardo, di dimensioni ridotte rispetto a quello europeo, retaggio delle faune nane che un tempo popolavano le isole mediterranee. Pranzo in ristorante in corso di escursione e in serata rientro in hotel per cena e pernottamento.

Sesto Giorno: CAGLIARI MEDIOEVALE – RIENTRO CON VOLO
Colazione  e pranzo in hotel. In mattinata visita guidata della parte medioevale di Cagliari. Nelle vie strette del quartiere, che ricordano quelle di alcuni borghi spagnoli, si leggono le vicende storiche che hanno segnato gli ultimi sette secoli di vita del capoluogo e che si intrecciano con gli eventi politici d’Italia e d’Europa. Saranno oggetto della visita la sede del potere civile (Palazzo Reale) e religioso (Cattedrale di Santa Maria), capolavoro di varietà artistica dovuta al succedersi di civiltà diverse, le possenti Torri Medievali, la Basilica di Santa Croce e i Bastioni. La posizione elevata del quartiere permetterà di ammirare la città nel suo splendido insieme, offrendo una vista indimenticabile del mare e del vasto e sinuoso territorio cittadino. All’orario stabilito trasferiamo all’aeroporto di Cagliari. Disbrigo delle operazioni di imbarco e partenza con volo per il rientro.

La quota comprende:
Trasporto in Bus G.T. per i trasferimenti ed escursioni previste in Sardegna – Vitto e alloggio autista ove previsto – Sistemazione presso nostro CITHOTEL 4* in camere doppie con servizi – Trattamento di pensione completa dalla cena del 1°gg. alla colazione del 6°gg. – bevande incluse ai pasti (1/4 di vino + ½ di acqua a persona a pasto) – Visite guidate come da programma – Ingresso al complesso del Nuraghe di Barumini e alla Giara di Gesturi, alla Miniera di Porto Flavia, al complesso minerario di Montevecchio (2 percorsi), al Villaggio Ipogeo e alle catacombe di Sant’Antioco – Assicurazione medico/bagaglio.
La quota non comprende:
Nostro Accompagnatore – Volo per la Sardegna A/R (su richiesta) – Trasferimento dalla propria località all’aeroporto di partenza/rientro (su richiesta) – Ingressi a Monumenti, chiese, musei, palazzi o altro menzionato nel programma se non indicato ne “La quota comprende” – Tassa di Soggiorno (da pagarsi in loco, se dovuta) – Mance – Facchinaggio – Assicurazione Annullamento – Extra di carattere personale e tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”.

RICHIESTA DI PREVENTIVO NON IMPEGNATIVO

TUTTI I CAMPI SONO OBBLIGATORI, SOLO IL CAMPO NOTE E' FACOLTATIVO

Il trattamento dei dati personali – il cui conferimento è necessario per la conclusione e l'esecuzione del contratto – è svolto, nel pieno rispetto del D. Lgs. 196/2003, in forma cartacea e digitale. I dati saranno comunicati ai soli fornitori dei servizi compresi nel pacchetto.