TREKKING INTORNO AL LAGO DI COMO: IL SENTIERO DEL VIANDANTE E LA CHIESA DI SAN PIETRO A CIVATE



Scarica la Brochure del viaggio TREKKING INTORNO AL LAGO DI COMO: IL SENTIERO DEL VIANDANTE E LA CHIESA DI SAN PIETRO A CIVATE

Primo giorno: PARTENZA – LECCO
Ritrovo dei partecipanti secondo orario e luogo convenuto e partenza dalla propria località in Bus G.T. per la Lombardia. Sosta lungo il percorso. Arrivo in hotel e sistemazione nelle camere. Pranzo. Nel pomeriggio visita guidata (solo esterni) di Lecco, alla scoperta di “quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno tra una catena non interrotta di monti…”. Visita alla settecentesca Villa Manzoni, un tempo dimora dello scrittore durante gli anni della sua infanzia e della sua giovinezza, la villa oggi ospita il Museo Manzoniano. Effettueremo poi il percorso manzoniano con visita ai quei luoghi (Olate, Acquate, Pescarenico) che fanno da sfondo alle pagine più belle del celebre romanzo. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Secondo giorno: ESCURSIONE TREKKING INTORNO AL LAGO DI COMO: IL SENTIERO DEL VIANDANTE DA BELLANO A VARENNA E BELLAGIO
Colazione in hotel. Trasferimento in bua a Bellano e partenza a piedi per un’escursione Trekking sul Lago di Como: Il sentiero del Viandante da Bellano a Varenna. Dalla stazione di Bellano, scendiamo sulla statale e, dopo aver attraversato il fiume risaliamo verso monte, attraverso una scalinata che ci porta alla chiesa di S. Rocco. Attraversato il ponte che sovrasta il famoso “Orrido di Bellano” sbuchiamo sulla strada che scende dalla superstrada e saliamo nel bosco, fino ad incontrare la Cappella dell’Addolorata (mt. 300). Continuando in leggera salita, passiamo davanti alla Fabbrica (mt. 350), edificio in pietra di tre piani, ingentilito da un portale e un balconcino barocchetto. Entriamo nel bosco e oltrepassata la seconda cappelletta scendiamo sulla destra oltrepassando il cimitero di Gittana e risalendo sul piazzale della chiesa di Gittana ci troveremo in vista di Varenna e del Castello di Vezio. Siamo nella zona delle Cave di marmo di Varenna. Al tornante lasciamo la strada e ci inoltriamo in mezzo alle case, in discesa, passando dalla Madonna di Campallo. Attraversiamo e continuiamo fino al vecchio ponte in pietra che supera il torrente Esino (mt. 290 circa) nei pressi del vecchio rustico edificio abbandonato del Crott del Pepott. Possibilità di proseguire l’escursione fino alla sorgente del Fiumelatte, il torrente più corto d’Italia (250 mt di lunghezza), per poi tornare indietro a Varenna. Pranzo con cestino fornito dall’hotel. Nel pomeriggio trasferimento in battello a Bellagio e visita guidata (solo esterni) della località conosciuta come la “perla del lago di Como” per la bellezza della posizione e per la ricchezza di ville e di giardini edificati dalla nobiltà e dalla ricca borghesia a partire dal XVIII secolo. Visita al borgo vecchio dove si susseguono antiche e suggestive abitazioni tra misteriosi vicoli e caratteristiche scalinate acciottolate sulle quali si affacciano variopinti negozi con prodotti di ottima qualità. Notevole la chiesa stupendo esempio dell’arte romanico-lombarda (XII sec.) costruita tra il 1075 e il 1125 dai Maestri Comacini. Visita alla Villa Melzi d’Eril, magnifica nella sua architettura di rigorose linee neoclassiche e costruita nel 1808 per il Duca Francesco Melzi d’Eril, coadiutore di Napoleone. La visita comprende la cappella, il piccolo museo ed il parco, primo esempio lariano di giardino all’inglese, dove stupendi gruppi di azalee e rododendri si alternano con magnifiche statue. Al termine della visita rientro in hotel, cena e pernottamento.

Terzo giorno: ESCURSIONE TREKKING ALLA CHIESA DI SAN PIETRO A CIVATE E LA NAVIGAZIONE SUL LAGO DI PUSIANO
Pensione completa in hotel. In mattinata trasferimento in bus a Civate. Da qui si proseguirà a piedi attraverso un’escursione Trekking alla Basilica di San Pietro al Monte in Civate. Il complesso benedettino è senza dubbio una delle abbazie più interessanti di questa provincia e dell’intera Lombardia, meta di notevole interesse storico, artistico e religioso. Situato a 662 metri s.l.m, lo si raggiunge dal paese di Civate in un’ora circa di cammino. Molti sono ogni anno i visitatori che salgono l’erta mulattiera fino alle pendici del monte Cornizzolo per incontrare la serena atmosfera del luogo, la storia millenaria raccontata dalle bianche pietre, la spiritualità che emana dall’austera bellezza del suo patrimonio artistico. Nel pomeriggio escursione in battello al Lago di Pusiano, il più bello dei cinque laghetti briantei. In un’ora sarà così possibile ammirare da vicino tutte le bellezze che esso offre: questa è infatti una zona dal punto di vista sia naturalistico che paesaggistico estremamente interessante. Oltre alla classica flora e fauna lacustre, è possibile vedere dall’imbarcazione l’isola dei Cipressi e la foce del Lambrone; a tutto questo fanno poi da cornice l’imponente monte Cornizzolo e tutte le altre montagne dell’alta Brianza. Durante la navigazione ci fermeremo per una visita all’isola dei Cipressi sul Lago di Pusiano, una piccola isola ove è costruita una piccola casa all’interno di in un lago che non si può definire grande. Ma grande è la storia dell’Isola, grandi sono stati i personaggi che l’hanno posseduta e gli artisti e i letterati che l’hanno ammirata e grande è il fascino che quest’isola esercita. La sua storia risale al neolitico quando sulla punta orientale vi era un piccolo villaggio su palafitte. Le vicende storiche rimasero legate a quelle del lago di Pusiano e ai suoi illustri e prestigiosi proprietari succedutisi nel tempo. Nel 1300 l’Arcivescovo di Milano possedeva il lago insieme alla collegiata di San Giovanni Battista di Monza, poi per tre secoli, fino alla fine del settecento, subentrarono i Carpani, signori feudali della zona. Iniziò il periodo dei tre Marchesi: Francesco Carpani, poi Giuseppe Antonio Molo e infine Gerolamo d’Adda. Il lago, il Palazzo di Pusiano e l’Isola furono poi acquisiti dal Vicerè Eugenio di Beauharnais, figliastro di Napoleone, e dai Vicerè Austriaci. Si ebbe così il periodo dei tre Principi tra il 1700 e 1800: l’Arciduca Ferdinando Carlo d’Asburgo-Este Lorena, il citato Eugenio di Beauharnais, e infine, con il ritorno degli austriaci, l’Arciduca Ranieri d’Asburgo. La casa Imperiale Austriaca mantenne la proprietà fino al 1831. Dopo alterne vicende l’Isola fu ceduta nel 1874 ai fratelli Antonio ed Egidio Gavazzi, industriali serici di Valmadrera.

Quarto giorno: MUSEO DIDATTICO DELLA SETA DI COMO – RIENTRO
Colazione in hotel e partenza per la visita guidata al Museo didattico della seta di Como che raccoglie, custodisce, espone le testimonianze della tradizione produttiva tessile comasca quali macchine, oggetti, documenti, campionari e strumenti di lavoro provenienti dalle lavorazioni tessili che qualificano Como città della seta. Il patrimonio tecnico ed artistico è organizzato in uno spazio didattico accessibile a tutti. L’amore e la passione per l’arte serica hanno origini antiche, consolidate grazie anche all’istruzione professionale per operatori del settore promossa, a partire dal 1866, dalla Camera di Commercio, dalla Provincia e dal Comune di Como. Al termine della visita e tempo permettendo, in base alla propria località di rientro, tempo libero a disposizione per una passeggiata nel centro storico della città. Pranzo in ristorante, a Como o lungo il percorso di rientro. Arrivo alla propria località previsto in serata.

La quota comprende:
Trasporto in Bus G.T. – Vitto e Alloggio autista – Sistemazione presso nostro CITHOTEL in camere doppie con servizi – Pensione completa dal pranzo del 1°gg. al pranzo del 4°gg. (il pranzo del 2°gg. è con cestino da viaggio fornito dall’hotel – su richiesta sarà possibile sostituirlo con un pranzo in ristorante) – Bevande incluse ai pasti (1/4 di vino + ½ di acqua a persona a pasto) – Visite guidate come da programma (Lecco e Bellagio) – Traghetto Varenna/Bellagio incluso bus – Navigazione in battello sul Lago di Pusiano incluso ingresso e guida all’Isola dei Cipressi – Ingresso al Museo didattico della Seta di Como + guida – Assicurazione Medico/Bagaglio.
La quota non comprende:
Nostro Accompagnatore – Ingressi a Musei, Monumenti, Ville, Palazzi o altro menzionato nel programma se non incluso ne “La quota comprende – Assicurazione Annullamento – Mance – Facchinaggio – Tassa di Soggiorno (da pagarsi in loco, se dovuta) – Extra di carattere personale e tutto quanto non indicato ne “La quota comprende”.

RICHIESTA DI PREVENTIVO NON IMPEGNATIVO

TUTTI I CAMPI SONO OBBLIGATORI, SOLO IL CAMPO NOTE E' FACOLTATIVO

Il trattamento dei dati personali – il cui conferimento è necessario per la conclusione e l'esecuzione del contratto – è svolto, nel pieno rispetto del D. Lgs. 196/2003, in forma cartacea e digitale. I dati saranno comunicati ai soli fornitori dei servizi compresi nel pacchetto.