WEEK-END IN VENETO: LA BASSA PADOVANA IN MOUNTAIN BIKE



Scarica la Brochure del viaggio WEEK-END IN VENETO: LA BASSA PADOVANA IN MOUNTAIN BIKE

Primo Giorno: PARTENZA – MIGLIADINO SAN VITALE – SISTEMAZIONE IN HOTEL
Arrivo dei partecipanti a Migliadino San Vitale e sistemazione nelle camere. Tempo libero a disposizione. (In base all’orario di arrivo, possibilità di organizzare un’escursione guidata ad Arquà Petrarca. (Di seguito indichiamo il programma di visita. La visita potrà naturalmente essere fatta in modo autonomo dai partecipanti). Cena e pernottamento. Arquà Petrarca: Un borgo medievale che conserva immutato il fascino di un tempo. Considerato la perla dei Colli Euganei, è stato ammesso al ristretto club dei Borghi più Belli d’Italia. Abitato fin dai tempi romani, acquistò importanza dopo che Francesco Petrarca desiderò trascorrere gli ultimi anni della sua vita nella caratteristica serena quiete del luogo. Il paese ne conserva la casa (chiusa il lunedì) e la tomba con le spoglie. Oltre che per l’aspetto storico-naturalistico, il borgo si segnala per la ricchezza dei prodotti locali, tra cui l’olio che lo ha portato ad aderire all’Associazione Nazionale Città dell’Olio e la giuggiola da cui si ricava un ottimo liquore.

Secondo Giorno: ESCURSIONE IN MOUNTAIN BIKE: DA ESTE A MONTAGNANA
Colazione in hotel. Incontro con l’istruttore di mountain bike e intera giornata a disposizione per l’Escursione in Mountain Bike: da Este a Montagnana. L’itinerari o attraversa la Bassa Padovana, tra i Colli Euganei e la Scodosia. Durante l’escursione si incontrano numerose costruzioni medioevali: palazzi fortificati, castelli, rocche, torri isolate e città murate. Si parte da Este dove si apre la vasta piazza Maggiore e si affacciano i palazzi più prestigiosi della città. Percorrendo l’argine del canale Bisatto, fino a raggiungere il nodo idraulico del Sostegno, si continua a pedalare lungo il fiume Frassine. Dall’alto dell’argine, immersi nel silenzio della campagna, lo sguardo spazia ad oriente verso i Colli Euganei, ad occidente verso quelli Berici e a sud fino a Montagnana, meta finale del viaggio. (E’ possibile iniziare l’itinerario da Monselice, terza città murata, completando il Giro delle città Murate). Pranzo libero. In tardo pomeriggio rientro in hotel, cena e pernottamento.

Terzo Giorno: ESCURSIONE IN MOUNTAIN BIKE: LE ABBAZIE DALLA BASSA PADOVANA (CARCERI, BADIA POLESINE E SAN SALVARO)
Colazione in hotel. Incontro con l’istruttore di mountain bike e intera giornata disposizione per l’Escursione in Mountain Bike: Abbazie della Bassa Padovana – Carceri, Badia Polesine e San Salvaro. Partenza dall’Abbazia di Carceri, attraverso un ampio giro nelle campagne della Bassa Padovana fino a Badia Polesine lungo anche gli argini dell’Adige. Ritorno per San Salvaro e Casale di Scodosia, su strade a basso traffico, argini di fiume e piste ciclabili. Meritano una sosta per la visita l’Abbazia di Santa Maria delle Carceri, l’Abbazia della Vangadizza, il Monastero di San Salvaro. Pranzo libero. In tardo pomeriggio rientro in hotel, cena e pernottamento.

Quarto Giorno: ESCURSIONE IN MOUNTAIN BIKE FRA IDROVORE, VALLI E CANALI ALLA SCOPERTA DELLE ANTICHE “MASARE”
Colazione in hotel. Incontro con l’istruttore di mountain bike e partenza per l’Escursione in Mountain Bike: fra idrovore, valli e canali, alla scoperta delle antiche “Màsare”. Partenza da Migliadino San Vitale, attraverso “campi alla padovana” con piantagioni industriali, rape da inverno e vigneti ad uso familiare e campi di mais. In località Taglie, troviamo la “Ciesazza”, un’antica chiesa nominata in documenti ufficiali del 1144-45. Da qui si prosegue per Valli Mocenighe oltrepassando alcune idrovore. L’elemento ambientale di maggior interesse per la particolarità della sua storia e della sua evoluzione è il Fiumicello di Montagnana, detto localmente “Zime”. Gli Statuti Comunali vietarono la costruzione di mulini lungo le rive per evitare il rallentamento del fiume. Oggi questa zona è ricoperta di terreni coltivati. Un lungo stradone forniva l’accesso alle “Màsare”, i maceratoi della canapa, una pianta la cui fibra veniva utilizzata per fare corde, tessuti e cordicelle da impiegare nei lavori agricoli. Più avanti raggiungiamo la Chiesa della Madonna dell’Anconese che conserva i segni del paesaggio e dell’economia di alcuni decenni fa: grossi gelsi a capitozza bassa che l’età ha reso scuri e cavi, ornano con le loro folte chiome i vialetti delle nuove case. Si prosegue attraverso le campagne situate tra il Casello e il Fratta, dominate dalla monocultura, conservano ancora filari di gelsi. Qui, sulle rive del Vampadore, troviamo pescatori alla ricerca di piccole scardole, da utilizzare come esche nella pesca del pesce gatto. Pranzo libero. Nel pomeriggio partenza per il rientro alla propria località.

La quota comprende:
Sistemazione presso nostro CITHOTEL in stanze doppie con bagno – Trattamento di mezza pensione con colazione a buffet e bevande incluse a cena (1/4 di vino + 1/2 di acqua) – Istruttore/Accompagnatore mountain bike per le escursione previste dal programma – Assicurazione Medico/Bagaglio.
La quota non comprende:
Trasporto (su richiesta) – I pranzi – Noleggio attrezzatura (mountain bike, casco o altro)su richiesta – Facchinaggio – Tassa di Soggiorno (da pagarsi in loco se dovuta) – Extra di carattere personale e tutto quanto non incluso ne “La quota comprende”.

RICHIESTA DI PREVENTIVO NON IMPEGNATIVO

TUTTI I CAMPI SONO OBBLIGATORI, SOLO IL CAMPO NOTE E' FACOLTATIVO

Il trattamento dei dati personali – il cui conferimento è necessario per la conclusione e l'esecuzione del contratto – è svolto, nel pieno rispetto del D. Lgs. 196/2003, in forma cartacea e digitale. I dati saranno comunicati ai soli fornitori dei servizi compresi nel pacchetto.